Perché il tuo smartphone potrebbe renderti meno felice

Perché il tuo smartphone potrebbe renderti meno felice

È probabile che tu stia leggendo questo articolo sul tuo smartphone o tablet.


Questo perché ci affidiamo a questi dispositivi per fornirci le informazioni di cui abbiamo bisogno e, come sottoprodotto, questi dispositivi ci danno accesso a molte cose di cui non abbiamo bisogno e non sono particolarmente utili per noi.

Adam Alter è salito sul palco per tenere un discorso TED e ha descritto che uno dei problemi più grandi nelle nostre vite è il nostro screentime.

La quantità di tempo di utilizzo che gli esseri umani consumano è aumentata esponenzialmente negli ultimi 10 anni. E non sembra renderci più felici, anche se siamo attratti da questi dispositivi come se le nostre vite dipendessero da loro.


E no, non lo è psicologia inversa.

Infatti, secondo i ricercatori, troppo tempo sullo schermo potrebbe causare danni al cervello.



Guarda il discorso TED che apre gli occhi di Alter per capire perché troppo tempo sullo schermo è un male per te e l'unica cosa che puoi fare al riguardo:


Se non puoi guardarlo adesso, ecco un riassunto testuale del discorso di Alter:

Se ritieni di non poter lasciare il telefono o il tablet per più di pochi minuti alla volta, non sei solo.

Il problema più grande con la quantità di tempo sullo schermo con cui ci impegniamo, secondo Adam Alter, è che ha rimosso la nostra capacità di limitare il tempo. Questo è chiamato 'segnale di arresto' e stiamo perdendo la nostra capacità di ascoltare i segnali perché i nostri dispositivi ci forniscono una quantità infinita di informazioni e potenziale intrattenimento.

Quello che succede quando leggiamo un libro o un giornale è che alla fine arriviamo alla fine della lettura, lo mettiamo via e passiamo alla cosa successiva nei nostri giorni.

Quando ci sediamo con i nostri smartphone, tablet o laptop per un certo periodo di tempo, diventa difficile per noi alzarci e andarcene. C'è sempre qualcos'altro da vedere, fare, leggere, mettere mi piace e commentare, ma in realtà non ci rende più felici.

La dipendenza è reale. Secondo gli autori della ricerca riassumendo i risultati della neuroimaging nella dipendenza da Internet:

'Nel loro insieme, [studi dimostrano] che la dipendenza da Internet è associata a cambiamenti strutturali e funzionali nelle regioni del cervello che coinvolgono l'elaborazione emotiva, l'attenzione esecutiva, il processo decisionale e il controllo cognitivo'.

In breve, un tempo di visualizzazione eccessivo sembra influenzare la struttura e la funzione del cervello. La maggior parte di questo danno si verifica nel lobo frontale del cervello, che è un'area del cervello che può influenzare ogni area della vita, dal senso di benessere al successo accademico o professionale alle abilità relazionali.

Quindi come puoi limitare il tuo tempo di utilizzo?

Un modo è rimuovere effettivamente il tuo dispositivo dalla tua portata. Proprio come il telecomando del televisore rimane saldamente piantato sul supporto della TV dall'altra parte della stanza perché non vuoi alzarti per prenderlo, puoi lasciare il telefono in un punto lontano da te.

Creando una barriera all'accesso, puoi ridurre il tempo di utilizzo degli schermi.

Un altro modo per superare la tua ossessione per lo schermo è creare regole per te stesso in base alle quali lasci il telefono a casa se stai andando a cena con gli amici o se stai facendo commissioni.

Quindici anni fa le persone non potevano contattarti mentre facevi la spesa, perché è così importante che lo facciano ora?

Infine, lavora per non essere al lavoro. Quando ti alzi e parti per la giornata, decidi che non risponderai alle e-mail sul telefono fino a quando non tornerai al lavoro il giorno successivo.

Questo potrebbe essere difficile per alcuni, ma stabilire quei limiti può restituire le ore della tua vita che non avevi nemmeno realizzato di aver perso.