Qual è lo scopo della vita? La verità su come trovare il tuo scopo

Qual è lo scopo della vita? La verità su come trovare il tuo scopo

Ti sei mai fermato e ti sei chiesto: 'Perché lo sto facendo? Perché sono qui? Qual è il mio scopo? '


La risposta potrebbe non arrivare subito. In alcuni casi, potrebbe non venire affatto.

Alcune persone vivono per anni senza conoscere il loro scopo. Questo può portare a depressione e insoddisfazione, non sapere il motivo per cui sei qui e credere che potresti non avere alcun motivo.

Senza una ragione, perché dovresti metterti attraverso le lotte e le sofferenze che la vita ha da offrire?


In questo articolo esploriamo l'annosa domanda: qual è lo scopo della vita? Dalla comprensione del motivo per cui poniamo queste domande a ciò che i filosofi hanno da dire e cosa possiamo fare per trovare il nostro significato per la vita che vogliamo vivere.

Cos'è la vita e perché abbiamo bisogno di uno scopo?

Prima di poter discutere lo scopo della vita, è importante stabilire la nostra comprensione della vita stessa, e da lì, perché cerchiamo uno scopo nella vita.



Allora cos'è la vita? Senza entrare troppo nella filosofia, la vita è tutto ciò che è vivo.


Tutti quelli che conosci sono portatori di vita. Ogni persona, ogni bambino, ogni uomo e ogni donna.

Animali e piante, insetti, microbi e tutti gli organismi biologici sono esempi di vita e, per quanto ne sappiamo, tutta la vita che esiste nell'universo è contenuta nel pianeta che chiamiamo casa.

Per miliardi di anni, la vita è cresciuta e si è evoluta sulla terra. Quelli che erano iniziati come semplici organismi unicellulari alla fine si sono evoluti nelle innumerevoli variazioni della vita che abbiamo visto nella storia del nostro pianeta.

Le specie sono germogliate e si sono estinte, i singoli organismi sono vissuti e sono morti e, per quanto ne sappiamo, la vita ha sempre trovato un modo per perseverare.

La vita e la necessità di perseverare

E forse questa è l'unica caratteristica unificante di tutta la vita che conosciamo: la volontà intrinseca di perseverare e la lotta automatica per andare avanti.

Il nostro mondo ha attraversato cinque eventi di estinzione - ora siamo al sesto - con il peggiore accaduto oltre 250 milioni di anni fa, che ha portato alla morte del 70% delle specie terrestri e del 96% delle specie marine.

Potrebbero essere passati milioni di anni prima che una tale gamma di biodiversità tornasse, ma è tornata indietro, come sembra sempre fare.

Ma cosa fa sì che la vita combatta per rimanere in vita e cosa fa desiderare la vita agli organismi nonostante non abbiano la capacità di elaborare ciò che la vita è? E perché siamo diversi?

Sebbene sia impossibile esserne certi, siamo i primi esempi di vita che si sono evoluti ben oltre il soddisfacimento degli istinti di base del cibo, della riproduzione e del rifugio.

I nostri cervelli insolitamente grandi ci rendono unici nel regno animale e ci rendono la vita più unica che il nostro mondo abbia mai visto.

Non viviamo solo per mangiare, per riprodurci e per stare al sicuro, cosa che anche gli organismi più semplici e piccoli sembrano comprendere intrinsecamente.

Viviamo per parlare, interagire, amare, ridere. Viviamo per trovare gioia e per condividere gioia, per creare opportunità e per fornire opportunità, per scoprire significato e per condividere significato.

Mentre altri animali potrebbero trascorrere le loro giornate riposando e conservando energia dopo aver mangiato, protetto un riparo e accoppiato con i loro partner scelti, noi richiediamo Di Più. Noi richiediamo senso e scopo, soddisfazione al di là i bisogni fondamentali per restare in vita.

E tutti ci siamo chiesti, in quei tranquilli momenti di pace tra un compito e l'altro: perché?

Perché abbiamo bisogno, vogliamo e desideriamo di più? Perché soddisfare la nostra felicità e appagamento sembra necessario quasi quanto soddisfare la nostra fame e l'eccitazione?

Perché siamo l'unico esempio di vita che non si accontenta di essere semplicemente vivi?

Ecco alcuni dei motivi più comuni per cui ci poniamo queste domande:

uno.Abbiamo bisogno che la nostra lotta significhi qualcosa.

Gran parte della vita che molti di noi vivono è piena di lotte, difficoltà e dolore. Mordiamo anni di disagio e infelicità, celebrando qualsiasi piccola pietra miliare che incontriamo lungo la strada.

Lo scopo agisce come una luce alla fine del tunnel, un motivo per rimanere impegnato nonostante la tua mente e il tuo corpo ti dicano di fermarti.

Due. Temiamo la natura finita delle nostre vite. A differenza degli animali, comprendiamo la natura limitata delle nostre vite.

Comprendiamo che il tempo che passiamo vivi è solo una goccia nell'oceano della storia umana, e alla fine le cose che facciamo, le persone che amiamo e le azioni che compiamo, non significheranno nulla nel grande schema delle cose.

Il significato ci aiuta a far fronte a quella paura e a sorridere per il tempo limitato in cui possiamo farlo.

3. Abbiamo bisogno della convalida di essere più di un animale. Siamo uomini, non animali. Abbiamo pensiero, arte, introspezione, autocoscienza.

Abbiamo la capacità di creare, sognare e immaginare in modi che gli animali non potrebbero mai fare. Ma perché? Perché abbiamo queste capacità e talenti se non per uno scopo più grande?

Se fossimo stati messi qui solo per vivere e morire come qualsiasi altro animale, allora perché ci è stata concessa la capacità di pensare fino a questo punto?

Deve esserci una ragione per il dolore della nostra autocoscienza, e se no, allora non staremmo meglio semplicemente essendo come qualsiasi altro animale?

Le quattro principali ideologie dell'identificazione del significato

Per affrontare il significato, guardiamo alle filosofie plasmate sul significato nel corso della storia umana ea ciò che i nostri più grandi pensatori hanno avuto da dire sullo scopo e sul punto.

È stato Friedrich Nietzsche una volta a pensare che la questione se la vita abbia un significato è priva di significato, perché qualunque significato possa avere non potrebbe mai essere compreso da coloro che la vivono.

In altre parole, se c'è un significato o un programma più grande dietro le nostre vite - individualmente o come collettività - non saremmo mai in grado di cogliere il concetto di quel programma perché siamo il programma stesso.

Tuttavia, ci sono molte scuole di pensiero che hanno tentato di affrontare la questione del significato. Secondo lo Stanford Dictionary of Philosophy di Thaddeus Metz, ci sono quattro ideologie principali per identificare il significato. Questi sono:

uno.Centrato su Dio: Per coloro che cercano un significato in Dio e nelle religioni. Le ideologie incentrate su Dio sono forse le più facili da identificare, poiché forniscono ai seguaci un modello facile da adottare e applicare alla loro vita.

Richiede credere in un Dio, quindi credere in un Creatore, ed essere il figlio di un Creatore è una relazione con cui tutti abbiamo familiarità - bambino e genitore, con la maggior parte delle persone che ad un certo punto della loro vita sperimentano entrambi i ruoli.

Due. Centrato sull'anima: Per coloro che cercano un significato nella religiosità e spiritualità, senza la necessità di un Dio nominato. Ci sono molti che credono in un mondo spirituale senza necessariamente credere in nessuna religione.

Attraverso questo, credono che la nostra esistenza continui oltre la nostra vita fisica sulla terra e trovano un significato attraverso questa immortalità spirituale.

3.Naturalista - Oggettivista: Ci sono due scuole di pensiero naturalistiche, che discutono se le condizioni che creano il significato sono create dall'individuo e dalla mente umana o sono intrinsecamente assolute e universali.

Gli oggettivisti credono nelle verità assolute che esistono nella vita e, attingendo a quelle verità assolute, chiunque può trovare il significato della vita.

Alcuni potrebbero credere che vivere una vita virtuosa conduca universalmente a una vita piena di significato; altri potrebbero credere che vivere una vita creativa o artistica crei universalmente una vita significativa.

Quattro.Naturalista - Soggettivista: I soggettivisti sostengono che se il significato non è spirituale o centrato su Dio, allora deve sorgere dalla mente, e se nasce dalla mente, deve essere una decisione o preferenza individuale a creare significato.

È il momento in cui una mente si attacca a un'idea o uno scopo che un individuo trova un significato nella propria vita.

Ciò significa che non importa chi o dove sei o qualunque attività tu stia facendo - se la tua mente crede di aver scoperto il significato della vita, allora questo è il significato della vita per te.

Altre risposte di significato e scopo

Le quattro ideologie principali sopra elencate non sono le uniche scuole di pensiero che potresti trovare tra filosofi e pensatori.

Sebbene questi siano gli insiemi di idee più generali in circolazione, ci sono altri modi per comprendere il significato che puoi esplorare, dal più semplice al più complesso.

- 'Il significato della vita non è essere morti.' - Professor Tim Bale, Queen Mary University of London

La citazione sopra è in sintonia con ciò che alcuni altri filosofi hanno meditato nel corso degli anni. Nel Il bene e il male del filosofo Richard Taylor, scrive: 'La giornata era sufficiente a se stessa, e così era la vita'.

In termini più semplici, dal momento che siamo vivi, c'è un significato alla nostra vita. Mentre alcuni potrebbero rifiutare la semplicità di una risposta a una domanda apparentemente travolgente, la semplicità potrebbe essere il meglio che possiamo trovare.

- “Ciò che rende una vita umana un significato o un significato non è il semplice vivere di una vita, ma il riflettendo sulla vita di una vita. ' - Professor Casey Woodling, Coastal Carolina University

Mentre alcuni potrebbero spiegare che il perseguimento di un obiettivo è il significato della vita, la filosofia di Woodling ritiene che questo sia solo a metà strada verso il vero scopo.

Per impegnarsi veramente in uno scopo, uno deve perseguire un obiettivo e poi riflettere sul perché di esso.

Una persona deve chiedersi: 'Perché apprezzo gli obiettivi che cerco? Perché queste sono le attività che credo valgano il mio tempo limitato su questa terra? '

E una volta che hanno trovato una risposta, possono accettare - dopo aver esaminato la loro vita in modo onesto e veritiero - possono dire di vivere una vita significativa.

- 'Chi persiste è una persona con uno scopo.' - 6th secolo saggio cinese Lao Tzu, Tao te ching

Lao Tzu è simile a Woodling nel sostenere che gli obiettivi che scegli di perseguire sono insignificanti per identificare il significato della tua vita.

Tuttavia, non è d'accordo sul fatto che si debba riflettere sulle loro attività per trovare uno scopo. Invece, bisogna semplicemente vivere nella consapevolezza della loro esistenza.

Lao Tzu credeva nel mistero dell'esistenza. Tutta la natura fa parte della 'via' e 'la via' non può essere compresa.

È sufficiente essere consapevoli di esso e della nostra parte in esso, e vivere nella consapevolezza di essere parte di un tutto più grande.

Attraverso questa consapevolezza, arriviamo a capire che la vita è intrinsecamente significativa - è importante perché la nostra esistenza è una singola unità parte di un insieme più grande di esistenza universale.

Essendo vivi, respiriamo come parte dell'universo, e questo è sufficiente per dare un senso alla nostra vita.

5 errori da evitare quando si scopre lo scopo della propria vita

1. Seguendo il percorso di qualcuno

Quando ti ritrovi ispirato dalla vita di qualcuno, si è tentati di copiare tutto ciò che ha fatto per provare a replicare i risultati. Forse ti vedi in una figura stimolante perché condividi lo stesso background, affronti le stesse sfide e aspiri agli stessi obiettivi.

Tuttavia, dovresti tenere presente che, non importa quanto simili possano essere le tue vite, ci sono piccole sfumature che possono cambiare drasticamente il modo in cui si svolgono le vite di due persone. Seguire esattamente lo stesso percorso di questa persona non garantisce che finirai nello stesso posto.

Prendi ispirazione dal successo di qualcuno, ma non trattarlo come una guida su come vivere la tua vita dall'inizio alla fine.

2. Concentrarsi sul successo personale

Trovare lo scopo della tua vita è un viaggio personale. Tuttavia, non significa che sia solitario. Quando parliamo di trovare il proprio scopo, è davvero una giustapposizione tra te e le altre persone.

Non c'è modo migliore per comprendere la tua vera essenza che comprendere il tuo impatto sulle persone e sul mondo che ti circonda.

Le abilità che sviluppi e i risultati che hai sono tutti tuoi, ma ciò che li trasforma veramente in uno scopo chiaro è come si traducono nella vita reale.

Puoi usare le tue risorse, abilità uniche e vantaggi per rendere il mondo un posto migliore? Hai un impatto positivo sul mondo che ti circonda?

Il tuo successo personale è limitato ai confini della tua vita personale e privata. È quando sei in grado di metterlo in relazione con le cose al di fuori di te stesso che inizi a definire lo scopo della tua vita.

3. Vivere la tua carriera

Costruire un'attività di successo o raggiungere nuove vette nella tua carriera sono entrambi grandi obiettivi di vita, ma coinvolgono solo una certa parte di te, lasciando tutta un'altra gamma della tua personalità nell'oscurità.

Le persone maniache del lavoro che incontrano un blocco stradale spesso si sentono perse perché la fonte ultima del loro orgoglio, il loro lavoro, non fornisce più la stessa quantità di soddisfazione.

Nel creare una vita piena di uno scopo, è fondamentale coltivare altri aspetti di te stesso che non hanno nulla a che fare con il tuo lavoro.

Devi investire il tuo tempo e i tuoi sforzi in attività che permettano al tuo sé più profondo di emergere, quello che è creativo, compassionevole, gentile o indulgente.

Anche se sei un tipo ambizioso, ci sono molte strade diverse in cui puoi ancora eccellere e raggiungere il tuo massimo potenziale, senza dover lavorare con la corda.

Progetti di passione, hobby e altre attività possono fornire la stessa quantità di sfida del tuo lavoro, pur permettendoti di portare qualcosa nel mondo che è completamente tuo.

4. Aspettarsi un processo semplice

Alcune persone sembrano scoprire lo scopo della loro vita nel momento in cui nascono, mentre altre impiegano anni per scoprire esattamente di cosa si tratta. In alcuni casi, è riconoscibile in un istante; altre volte ci vorranno episodi di tentativi ed errori prima di trovare la 'cosa giusta'.

La ricerca del significato della vita è abbastanza complicata senza basare l'esistenza della tua vita sul trovare il tuo 'esso'. Non esercitare troppa pressione sul processo per arrivarci.

Se ancora non hai trovato quello che dovevi fare dopo anni di ricerche, fai un passo indietro e rilassati.

La risposta potrebbe essere stata di fronte a te per tutto il tempo, o potrebbe essere a un paio di passi di distanza, non importa. Alla fine, ciò che è importante è trattare questo 'processo' come un'opportunità di apprendimento e la troverai prima di rendertene conto.

5. Ignorare l'ovvio

Trovare lo scopo della tua vita può essere un processo, ma alla fine della giornata sarà comunque organico. Il tuo scopo si allineerà perfettamente con chi sei.

Quando accade, potresti anche non riconoscerlo perché non stai prestando attenzione o stai attivamente cercando di creare un'immagine di te stesso che non è autentica.

In ogni caso, cadrai organicamente nelle posizioni, incontrerai le persone giuste o ti impegnerai in esperienze che saranno fondamentali per plasmare lo scopo della tua vita.

Potresti non sempre parteciparvi consapevolmente (o divertirti), ma si evolverà a poco a poco, un segno dopo l'altro.

5 strane domande che possono aiutarti a scoprire il tuo significato nella vita

1. Come vuoi essere ricordato quando muori?

A nessuno piace pensare di morire. È il punto di non ritorno: la fine del potenziale e di tutte le possibilità. Ma è esattamente ciò che connota che ci costringe a considerare i nostri giorni di vita con più intento.

Con 365 giorni all'anno, è facile darlo per scontato. In effetti, è così facile che un intero anno può passare senza che tu te ne accorga. Questo cambia quando inizi a pensare alla tua vita in relazione alla tua morte.

Quindi, quando la tua storia finisce, come la riassumerebbero le persone?

Cosa direbbe la tua lapide? C'è qualcosa di degno di nota in primo luogo? Chiedersi come si vuole essere ricordati racchiude ciò che si aspira a essere e definisce l'eredità che si vuole lasciare alle spalle.

2. Se un uomo armato ti costringesse a giocare alla roulette russa, come vivresti la tua vita come se fosse normale?

Se ti venisse dato un giorno da vivere sapendo che moriresti alla fine, la maggior parte di noi sceglierebbe qualcosa che ci rende felici.

Dopo tutto, è il tuo ultimo giorno sulla Terra; vorresti fare qualcosa che valga la pena per le 24 ore.

Tuttavia, la formulazione originale di questa domanda non tiene conto della differenza tra indulgenza e scopo.

Chiunque avesse 24 ore da vivere probabilmente passerebbe tutto il giorno a fare cose che normalmente non farebbe (abbuffate di cibo e bevande, spendere fino al punto di indebitarsi) per soddisfare il piacere edonistico di una vita.

Invece, metti questa domanda nel contesto di una roulette russa: morirai ancora alla fine, solo che non sai quando.

Quando il tempo diventa un fattore sconosciuto, sei motivato a pensare oltre le 24 ore e a dedicare il tuo tempo limitato a qualcosa che conta.

Perché sprecare 24 ore a fare acquisti quando tu potrebbe Hai 3 giorni per presentare il tuo magico piano aziendale a sconosciuti?

Il tempo limitato guida l'urgenza e rende ogni ora più preziosa dell'ultima.

3. Quale problema mondiale risolveresti per primo?

Il mondo moderno è afflitto da troppi problemi che inducono ansia, alcuni dei quali hanno addirittura superato il punto di riparazione.

Ma se potessi: quale problema mondiale risolveresti per primo?

Riguarda meno il modo in cui risolverai il problema e più il problema che scegli.

Qualunque cosa tu scelga rivelerà le tue priorità ed evidenzierà i tuoi valori fondamentali.

In altre parole, ti stai ponendo la domanda: tra tutti i tanti mali, quale ti infastidisce così tanto che devi risolverlo prima?

4. Cosa stavi facendo l'ultima volta che ti sei dimenticato di mangiare?

Ogni tanto ci ritroviamo così immersi in qualche attività che ci dimentichiamo di mangiare. Le ore passano e prima che tu te ne accorga, sono già le 22 e non hai ancora pranzato.

È probabile che una cosa ti condurrà più vicino allo scopo della tua vita. La passione è tutta una questione di ossessività completa e totale.

Quando dipingi o impari una nuova lingua, cucini o aiuti altre persone, la parte biologica di te stesso sembra scomparire. Diventi semplicemente la cosa che stai facendo.

Naturalmente, scorrere sul telefono e procrastinare il lavoro non sono risposte praticabili. Devi trovare qualcosa che puoi fare con attenzione per ore e ore.

5. Se potessi avere successo istantaneo, ma dovessi sopportare una cosa schifosa in cambio del resto della tua vita, quale sarebbe?

Perseguire il significato della vita comporta molti sacrifici. Sapere cosa sei disposto a sopportare per raggiungere i tuoi obiettivi e realizzare il tuo scopo è ciò che alla fine ti distingue dagli altri.

Due persone diverse possono portare in tavola la stessa identica personalità e capacità; ciò che distingue i due sono le cose che sono disposti a sopportare per far funzionare qualcosa.

Allora, qual è l'unica cosa con cui puoi affrontare meglio di chiunque altro? Forse sei uno sviluppatore di siti web e sei disposto a dormire meno di 6 ore al giorno per il resto della tua vita.

Forse sei un atleta professionista e sei disposto ad allenarti a temperature estreme per sempre. Sapere cosa ti farà spingere nonostante la situazione è il tuo chiaro vantaggio nella vita.

5 modi per trovare un significato nella tua vita

Non importa quanto profondo possa sembrare, il significato della vita si manifesta nell'ordinarietà della vita quotidiana. Ci sono alcuni comportamenti che puoi adottare oggi che ti avvicineranno all'illuminazione:

  • Ascolta cosa ti infastidisce: per capire chi sei, devi capire chi non sei. Conoscere le ingiustizie della vita contro le quali ti opponi rafforzerà i tuoi principi e aiuterà a definire chi sei come persona.
  • Trascorri più tempo da solo: separa i segnali dal rumore dedicando più tempo a te stesso. Concediti l'ambiente per interpretare correttamente le tue decisioni di vita e fai piani su come andare avanti.
  • Vai per le conseguenze: non lo saprai mai il punto della vita se non uscirai mai dalla tua zona di comfort. Ricorda che le cose che vale la pena fare sono rischiose e non sempre convenzionali. Provaci comunque.
  • Feedback di benvenuto apertamente: la percezione che le altre persone hanno di noi fornirà sempre un riflesso più accurato di chi siamo. Chiedi a diverse persone nella tua vita la loro opinione su di te per ottenere una comprensione olistica di chi sei e del tuo impatto sul mondo.
  • Segui la tua intuizione: ricorda che il tuo scopo nella vita è intrinsecamente legato a chi sei. Di fronte a momenti che definiscono la vita, segui il tuo istinto.

Trovare il tuo scopo: cosa significa vivere

Se ti ritrovi a chiederti qual è il tuo scopo, sappi che non sei solo.

In quanto persona che vive e respira, tu, come molti altri, riconosci la tua posizione sul pianeta dovere significa qualcosa.

Dalle molte diverse combinazioni di celle possibili, ne è formata una specifica e si è scoperto che sei tu.

Allo stesso tempo, la ricerca del significato della vita non deve essere perché ti senti fortunato ad esistere. Non devi essere in debito con nessuno o niente per sentire la perseveranza di vivere.

Quello che senti è un istinto intrinseco, quasi biologico negli esseri umani.

Capisci che la vita si estende oltre il risveglio, il lavoro, il mangiare e il fare di nuovo la stessa cosa. Non sono solo numeri, eventi e occorrenze casuali.

In definitiva, capisci che la vita è un modo di vivere. Il modo in cui trascorri le tue ore in un giorno, in cosa scegli di credere, le cose che ti fanno arrabbiare e ti costringono, tutti contribuiscono allo scopo della tua vita.

Non devi avere tutte le risposte ora. L'importante è che tu stia facendo tutte queste domande.

Perché in fin dei conti, questo è ciò che significa vivere: la ricerca senza fine del 'che cosa', 'perché' e 'come'.