Thich Nhat Hanh consiglia 5 tecniche di meditazione che ricablano il tuo cervello per vivere nel momento presente

Per avere successo e gioia, devi riuscire a generare pace interiore. Ma quando le nostre vite sono piene di caos, può essere difficile capire esattamente come affrontarlo.


Uno dei modi migliori e più coerenti è attraverso le tecniche di meditazione. La meditazione è un'ottima pratica che ci aiuta a rilassarci e trovare la pace interiore.

Il problema è che può essere difficile capire come praticare correttamente la meditazione, se non hai accesso a un esperto. Ne parleremo di alcuni Thich Nhat Hanh tecniche di consapevolezza che ti aiuteranno.

Quindi, di seguito, esamineremo le tecniche di meditazione nientemeno che dal maestro buddista Zen, Thich Nhat Hanh. Godere!


1) Respirazione consapevole

Secondo Thich Nhat Hanh, questo è il più semplice ed essenziale tecnica di meditazione ma anche il più utile. Perché? Perché respiriamo sempre. Puoi letteralmente esercitarti ovunque, in qualsiasi momento, anche se è per 15 secondi.



Il punto cruciale di questa tecnica è che ti concentri semplicemente sul tuo respiro.


Ecco Thich Nhat Hanh che spiega come procedere:

'Per favore, quando inspiri, non fare uno sforzo per inspirare. Consenti solo a te stesso di inspirare. Anche se non inspiri, inspirerà da solo. Quindi non dire: 'Il mio respiro, vieni, così ti dico come fare'. Non cercare di forzare nulla, non cercare di intervenire, lascia che la respirazione abbia luogo ...

“Quello che devi fare è essere consapevole del fatto che la respirazione sta avvenendo. E hai più possibilità di goderti la tua inspirazione. Non lottare con il tuo respiro, questo è ciò che consiglio. Renditi conto che il tuo respiro è una meraviglia. Quando qualcuno è morto, qualunque cosa facciamo, la persona non inspirerà più. Quindi stiamo inspirando, è una cosa meravigliosa….

“Questa è la prima raccomandazione sulla respirazione fatta dal Buddha: quando inspiri, so che questa è l'inspirazione. Quando espiro, so che questa è l'espirazione. Quando l'inspirazione è lunga, so che è lunga. Quando è breve, so che è breve. Solo riconoscimento, semplice riconoscimento, semplice riconoscimento della presenza dell'inspirazione e dell'espirazione. Quando lo fai, all'improvviso diventi completamente presente. Che miracolo, perché meditare significa esserci. Essere lì con te stesso, essere lì con la tua inspirazione. '

2) Concentrazione

Secondo Thich Nhat Hanh, la concentrazione è una grande fonte di felicità. Concentrazione significa semplicemente concentrarsi su qualcosa, che sia il tuo respiro, un fiore o una parte del corpo. Potresti letteralmente puntare la tua attenzione su qualsiasi cosa, e finché mantieni quella concentrazione, lo sei praticare la consapevolezza.

Si consiglia di scegliere un oggetto in cui non è necessario scansionare gli occhi. I monaci buddisti tendono a usare una fiamma di candela. Se vieni distratto dai tuoi pensieri, torna semplicemente a concentrarti sull'oggetto. Puoi iniziare per un minuto e poi continuare ad aumentare il tempo man mano che fai più pratica. Thich Nhat Hanh spiega perché è così potente:

“Qualsiasi cosa può essere l'oggetto della tua meditazione e, con la potente energia della concentrazione, puoi fare una svolta e sviluppare l'intuizione. È come una lente d'ingrandimento che concentra la luce del sole. Se metti il ​​punto di luce concentrata su un pezzo di carta, brucerà. Allo stesso modo, quando la tua consapevolezza e concentrazione sono potenti, la tua intuizione ti libererà dalla paura, dalla rabbia e dalla disperazione e ti porterà vera gioia, vera pace e vera felicità '.

3) Consapevolezza del tuo corpo

Questa è la tecnica che Thich Nhat Hanh consiglia di usare per entrare in contatto con il tuo corpo. Tutto ciò che comporta è una scansione del corpo in cui rivolgi la tua attenzione a ciascuno di te parti del corpo uno per uno. Mentre attraversi il tuo corpo, rilascia ogni tensione e cerca semplicemente di rilassarti. Thich Nhat Hanh dice che questo è potente perché raramente lo sperimentiamo nell'esistenza quotidiana. Il nostro corpo è lì ma la nostra mente è altrove.

Thich Nhat Han consiglia di usare questo mantra: 'Inspirando, sono consapevole del mio corpo. Quando pratichi la respirazione consapevole, la qualità dell'inspirazione e dell'espirazione sarà migliorata. C'è più pace e armonia nel tuo respiro, e se continui a praticare in questo modo, la pace e l'armonia penetreranno nel corpoe il corpo ne trarrà profitto '.

4) Rilasciare la tensione

Il prossimo esercizio consiste nel rilasciare la tensione nel corpo. Quando inizi a prendere coscienza del tuo corpo, noterai tensione in diverse parti del tuo corpo. Pertanto, è molto importante imparare a rilasciare la tensione nel corpo.

Thich Nhat Hanh spiega come:

'Quindi la prossima volta che ti fermi a un semaforo rosso, potresti sederti e praticare il quarto esercizio:' Inspirando, sono consapevole del mio corpo. Espirando, lascio la tensione nel mio corpo. ' La pace in quel momento è possibile e si può praticare molte volte al giorno: sul posto di lavoro, mentre guidi, mentre cucini, mentre lavi i piatti, mentre annaffi l'orto. È sempre possibile esercitarsi a rilasciare la tensione in te stesso. '

5) Camminata consapevole

Ricordi la prima tecnica? Quando ti eserciti respirazione consapevole lasci che il respiro si svolga senza sforzo. Ti diverti semplicemente. La stessa cosa è vera con la camminata consapevole. Thich Nhat Hanh lo dice meglio:

'Non devi fare alcuno sforzo durante la meditazione camminata, perché è piacevole. Sei lì, corpo e mente insieme. Sei pienamente vivo, pienamente presente nel qui e ora. Ad ogni passo, tocchi le meraviglie della vita che sono in te e intorno a te. Quando cammini in quel modo, ogni passo porta guarigione. Ogni passo porta pace e gioia, perché ogni passo è un miracolo.

Il vero miracolo non è volare o camminare sul fuoco. Il vero miracolo è camminare sulla Terra e puoi compiere quel miracolo in qualsiasi momento '.