Come praticare la consapevolezza per una vita felice e pacifica

Come praticare la consapevolezza per una vita felice e pacifica

Se pensavi che la consapevolezza fosse solo per i monaci, ripensaci. La consapevolezza spesso ha molte idee sbagliate che la circondano. Questi includono:


  • La consapevolezza è solo per praticanti buddisti. Le altre religioni non possono partecipare
  • Ho bisogno di stabilire un momento speciale per diventare consapevole
  • La consapevolezza richiede una comprensione speciale del buddismo
  • La meditazione è un processo sofisticato. Non puoi integrarlo nella vita di tutti i giorni

In realtà, la consapevolezza non è altro che uno stato d'animo. È una forma sana di autorealizzazione che sblocca concentrazione, empatia e realizzazione personale.

Fase 1: scoprire il tuo centro

La consapevolezza è il tipo di pratica che inizia dall'interno e gravita lentamente su ciò che stai facendo all'esterno.


Prima di iniziare ad applicare la consapevolezza nella tua vita quotidiana, inizia sincronizzando te stesso e trovando il tuo centro.

Controlla la tua attenzione: Il mondo moderno ha stimoli illimitati. Con i nostri dispositivi mobili che eseguono il ping ogni secondo, è quasi impossibile concentrarsi su una cosa sola.



Se vuoi davvero entrare in uno stato meditativo, dovresti essere in grado di controllare dove stanno andando i tuoi pensieri. Ciò include una presenza costante della mente in contrasto con la distrazione.


Se stai facendo una cosa, cerca di non spostare la tua attenzione su qualcos'altro. Continua a fare quello che stai facendo e continua a pensare a quell'unica cosa.

Le azioni parlano più forte delle parole: Puoi convincerti di essere in uno stato meditativo, ma non importa se sei facilmente distratto da tutto ciò che ti circonda. E non si tratta solo di distrazioni.

Significa anche essere consapevoli di tutto ciò che stai facendo.

Invece di fare affidamento sulla memoria muscolare, prendi l'energia mentale per concentrarti davvero sul mondo che ti circonda.

Smettila di usare il pilota automatico. Se stai parlando con qualcuno, assicurati di ascoltarlo effettivamente invece di dire semplicemente che lo stai ascoltando.

Se ti alleni, assicurati di muovere ogni muscolo con uno scopo invece di lasciare che i tuoi arti si agitino senza meta.

Fai sempre domande: è facile cadere in una routine senza cervello e fare la stessa cosa ogni giorno. Non fraintendetemi: il problema non è con coerenza o stabilità.

Questo diventa problematico quando continui a fare le cose per il gusto di farle. Quando fai la tua routine, poniti sempre queste domande per riavviare la tua mente e assicurarti di vivere la vita con un intento chiaro:

Perché lo sto facendo?
È una parte necessaria della mia vita?
Cosa posso fare per migliorare questa attività?

Fase 2: è tutto ora

La consapevolezza ha sempre riguardato il 'adesso'. Dopotutto, non puoi rivivere il passato o scrutare il futuro.

Per essere veramente consapevole, devi padroneggiare l'arte di concentrarti su ciò che accade intorno a te mentre accade.

Lascia andare il passato, lascia il presente alle spalle: Le persone avranno sempre una storia. È naturale per noi preoccuparci del futuro o sentirci tristi per il passato.

Ma non è salutare aggrapparsi a ciò che avrebbe potuto essere e se non altro perché inizi a dare per scontato il presente.

Invece di chiederti come potresti cambiare o prevenire le cose, concentrati sul miglioramento della tua situazione attuale.

Pensare al passato o al futuro è un modo di evadere e ti impedisce di risolvere i problemi di oggi.

Ecco alcune affermazioni positive che puoi usare mentre mediti per impedire alla tua mente di vagare nel passato o nel futuro:

  • La mia situazione potrebbe non essere l'ideale, ma c'è sempre qualcosa che posso fare per risolverla
  • Il passato e il futuro sono fuori dalla mia portata, ma il presente è qui per essere preso
  • La mia situazione attuale non mi definisce, posso sempre lottare per il cambiamento

[Per approfondire le tecniche consapevoli che possono aiutarti a vivere di più nel momento, controlla il mio eBook sulla guida pratica all'uso del buddismo e della filosofia orientale per una vita migliore Qui]

Fase 3: applicazione

Dopo aver insegnato al tuo cervello a concentrarsi su ciò che desideri, sei pronto per applicare la consapevolezza nell'interazione quotidiana.

Ad alcune persone piace pensare che essere in uno stato meditativo richieda forme superiori di spiritualità.

In realtà, essere consapevoli può facilmente tradursi in essere più gentile, più compassionevole e più laborioso.

Diventa più esigente: la consapevolezza ti mette in uno stato mentale che ti permette di vedere la situazione per quello che è.

A sua volta sviluppi migliori capacità interpersonali perché non sei offuscato dal giudizio.

Basi le decisioni sul presente invece di lasciare che le tue paure, ansie e storie modellino le tue scelte.

Migliore autocontrollo: Alla fine della giornata, la consapevolezza è tutto tornare al sé.

Anche quando applichi i suoi principi a stimoli esterni, riguarderà sempre te stesso.

Impari a controllare l'ansia e a usarle per migliorare la tua situazione attuale. Impari la responsabilità e l'auto-responsabilità.

Impari a controllare le tue emozioni mentre vanno e vengono, dandoti l'opportunità di agire in modo appropriato.