Come affrontare la solitudine: tutto ciò che devi sapere

Come affrontare la solitudine: tutto ciò che devi sapere

Che tu stia vivendo una solitudine cronica, attacchi rari di solitudine o il tuo primo incontro con essa, la solitudine può mettere in ginocchio anche le persone più forti.


La solitudine può colpire chiunque in qualsiasi momento ed è molto più di un'emozione negativa da respingere. Affrontare la solitudine può essere una lotta per tutta la vita.

Allora come affronti la solitudine?

Il primo passo è capire la solitudine: cos'è, i suoi sintomi, perché accade e chi colpisce.


Attraverso la comprensione arriva la chiarezza, e solo con la chiarezza puoi iniziare ad affrontare attivamente la tua solitudine o la solitudine dei tuoi cari intorno a te.

Capire la solitudine: Cos'è la solitudine?

La solitudine è la sensazione prolungata di isolamento sociale o emotivo, in cui una persona sente di essere divisa o separata da coloro che la circondano.



Sentono di avere immense difficoltà a connettersi con i loro coetanei su qualsiasi cosa oltre un livello superficiale e si esauriscono per lo sforzo di provare.


Questi sentimenti sono solitamente accompagnati da disgusto di sé, bassa autostima e fiducia in se stessi e inadeguatezza generale.

La solitudine continua o cronica può colpire qualsiasi tipo di persona, anche quelle più estroverse ed estroverse.

La solitudine è un conflitto profondamente interno che può durare per anni in una persona senza che nessuno se ne accorga.

Una persona che soffre di solitudine estrema o cronica sarà influenzata negativamente in tutte le aree della sua vita.

Sintomi di solitudine

Se credi che tu o qualcuno vicino a te potresti avere a che fare con la solitudine o l'estrema solitudine, fai attenzione ai seguenti sintomi.

Ricorda: la solitudine colpisce tutti noi in modo diverso e alcune persone possono mostrare diverse variazioni di sintomi simili.

  • Connessioni deboli: Un individuo che sperimenta la solitudine ha l'incapacità di legarsi con altre persone oltre il livello superficiale. In molti casi, le persone sole hanno amici o familiari, il che fa sembrare che abbiano una vita sociale e un benessere emotivo normali, tuttavia le loro interazioni con le persone nella loro vita non si sentono appaganti o significative.
  • Nessun migliore amico: Tutti gli amici di una persona sola sono occasionali o solo di passaggio. Non hanno amici intimi a lungo termine con cui possono davvero connettersi. Per una persona sola, sembra che non ci sia nessuno nella loro vita che li 'prende'.
  • Esaurimento sociale: Qualsiasi tipo di impegno sociale esaurisce fisicamente e mentalmente qualcuno che è solo. Anche quando provano sinceramente a prendere parte ad attività sociali - anche quelle semplici come uscire per un drink o un pranzo con gli amici - hanno difficoltà a godersi la socializzazione perché si sentono così stanchi.
  • Isolamento opprimente: Non importa quante persone siano fisicamente intorno a una persona sola, provano un opprimente senso di isolamento. È come se fossero intrappolati in una bolla e interagissero con il mondo attraverso un filtro che fa sembrare tutto più pesante e lento.
  • Effetti fisici: A causa di tutti gli altri sintomi di solitudine, una persona sola avvertirà generalmente effetti collaterali fisici come insonnia, cattiva alimentazione, aumento di peso, indebolimento del sistema immunitario e malattia generale.

Come la solitudine influisce sulla mente e sul corpo

Ci sono alcuni che credono che la solitudine sia una reazione puramente emotiva, tuttavia, la solitudine cronica può influire profondamente sulla salute mentale e fisica di una persona.

L'aumento dell'ansia e dello stress causato dalla solitudine costringe il corpo ad aumentare i suoi livelli di cortisolo, il che porta a una miriade di problemi fisici e mentali.

Alcuni di questi problemi includono:

MentaleFisico
Aumento del rischio di demenza e AlzheimerDisordini del sonno
Ridotta capacità di concentrazioneDiabete di tipo 2
Riduzione del processo decisionale e della risoluzione dei problemiCardiopatia
DepressioneIpertensione
Disturbo ossessivo-compulsivoUso di sostanze
Ansia socialeDurata della vita ridotta
Stanchezza mentaleAumento dell'infiammazione

Cosa rende una persona sola? I tre fattori della solitudine

Nel uno studio di solitudine, i ricercatori hanno voluto isolare i fattori biologici e mentali che predispongono una persona a provare maggiori sentimenti di solitudine.

Nello studio del 2008, è emerso che le persone sole generalmente sperimentano una combinazione di tre 'fattori di solitudine'. Questi fattori includono:

  • Livello di vulnerabilità alla disconnessione sociale: Ognuno di noi ha bisogno di inclusione sociale e l'intensità di questo bisogno dipende dalla nostra genetica. Più intenso è il bisogno di inclusione sociale di un individuo, più è vulnerabile a sentirsi solo.
  • La capacità di autoregolare le emozioni associate al sentirsi isolati: Abbiamo tutti la nostra capacità mentale di 'lavare' le nostre emozioni e il nostro stato d'animo, motivo per cui alcuni di noi possono elaborare le emozioni negative in modo più efficace di altri. Se hai una debole capacità di autoregolare le emozioni della solitudine, questo può portare a una solitudine cronica nel tempo.
  • Rappresentazioni mentali e aspettative degli altri, nonché ragionamento sugli altri: Alcune persone hanno più difficoltà a comprendere le reazioni e le aspettative degli altri. Per le persone sole, hanno difficoltà a credere di adattarsi al gruppo, portandole a percepire le loro abilità sociali come carenti.

Solitudine sociale e solitudine emotiva

Un recente Studio 2018 a partire dal Psichiatria sociale ed epidemiologia psichiatrica ha esaminato il modo in cui comprendiamo la solitudine.

Il documento ha cercato di sfidare l'idea che la solitudine sia un sentimento; piuttosto, afferma, la solitudine è l'ombrello di una varietà di sentimenti e può essere rappresentata graficamente lungo due assi: la solitudine emotiva e la solitudine sociale.

  • Solitudine sociale: Quando una persona è infelice con il loro numero di relazioni sociali, stanno sperimentando la solitudine sociale. Una persona con un'elevata solitudine sociale crede di avere pochissimi amici e quindi pochissime persone che si prendono davvero cura di loro.
  • Solitudine emotiva: Quando una persona non è soddisfatta dello stato delle sue relazioni sociali, sperimenta la solitudine emotiva. Una persona con un'elevata solitudine emotiva crede di essere scollegata dai propri social network. Si sentono isolati anche se affollati.

Quando rappresentati graficamente su due assi di solitudine sociale e solitudine emotiva, i ricercatori ritengono che una persona sola possa cadere in uno dei quattro diversi quadranti di solitudine: bassa solitudine (bassi sentimenti sia sociali che emotivi); solitudine sociale, solitudine emotiva e solitudine sociale ed emotiva (alti sentimenti sia sociali che emotivi).

[Non solo il buddismo fornisce uno sbocco spirituale a molte persone, ma può anche migliorare la qualità delle nostre relazioni personali. Dai un'occhiata alla mia nuova guida pratica per usare il buddismo per una vita miglioreQui].

Sei solo?

La comunicazione e l'interazione sociale sembrano essere più facili che mai: con pochi tocchi su uno smartphone, puoi connetterti con qualsiasi amico, famiglia o altra persona cara in pochi istanti.

Ma gli ultimi anni hanno visto un enorme picco nella solitudine, al punto che molti psicologi la definiscono un'epidemia di solitudine dei giorni nostri.

Negli ultimi decenni, la solitudine negli Stati Uniti è raddoppiato.

Quasi la metà di tutte le persone si sente sola o isolata e circa un intervistato su quattro si sente come se non ci fosse nessuno nella sua vita che le capisse.

Persone maggiormente a rischio di solitudine

Quindi chi sono le persone più a rischio di solitudine?

La solitudine può essere vissuta da chiunque, ma ci sono alcune situazioni comuni che possono innescare l'inizio (o la ricorrenza) della solitudine. Questi includono:

  • Trovarsi in una nuova situazione, come una nuova città, lavoro o scuola, circondato da volti sconosciuti.
  • Perdere la 'presenza silenziosa' di un'altra persona, in cui non hai più una persona con cui uscire passivamente e in silenzio.
  • Trovarti diverso da chi ti circonda in un modo importante, come la religione, l'orientamento sessuale o le convinzioni politiche.
  • Perdere la fiducia in chi ti è più vicino, lasciandoti senza speranza e isolato senza nessuno a cui rivolgerti
  • Rendersi conto che ti manca un partner intimo con cui condividere i tuoi momenti più personali, o il tuo attuale partner non soddisfa più quel bisogno
  • Credere che nessuno dei tuoi 'amici' voglia davvero avvicinarti a te, poiché spesso non hanno tempo da investire in ulteriori attività per legare con te

Cause inaspettate di solitudine

La solitudine non è sempre ciò che la gente pensa che sia. C'è un motivo per cui la maggior parte delle persone con solitudine convive con essa per anni senza che i loro amici più stretti o la famiglia se ne rendano conto.

La solitudine può esistere nelle persone più sorprendenti a causa di cause impreviste. Alcune cause controintuitive della solitudine includono:

uno) Essere un estroverso: Ci sono molti estroversi che sono soli, e questi sono i tipi che si sentono isolati in una stanza affollata. Vogliono connessioni più profonde, ma si ritrovano a fallire e a ricadere nelle loro relazioni superficiali ea breve termine.

Due) Uomini e single: Uno studio ha scoperto che le donne hanno meno probabilità di essere sole poiché hanno reti più forti e più ampie su cui fare affidamento. Al contrario, gli uomini single sono i più vulnerabili alla solitudine e generalmente hanno pochi o nessun amico intimo a cui rivolgersi.

3) Personalità di tipo A: Le personalità di tipo A sono quelle più impazienti, competitive, ambiziose e irascibili e la loro risposta allo stress è generalmente più nevrotica e frenetica. Uno studio ha scoperto che le personalità di tipo A hanno più difficoltà a relazionarsi e legarsi con gli altri, rendendole più inclini alla solitudine.

4) Dipendenza dai social media: Una delle principali cause di solitudine in questi giorni è uso eccessivo dei social media. I social media possono far sentire le persone come se tutti intorno a loro stessero vivendo una vita perfetta piena di attività sociali, portando a sentimenti di insicurezza, inadeguatezza e, naturalmente, solitudine.

5) Malattia cronica: Essere cronicamente malati può ferire più della tua salute fisica - anche questo aumenta le tue possibilità di provare solitudine a lungo termine. I ricercatori hanno scoperto che le persone hanno più difficoltà a rimanere positive con la malattia cronica, soprattutto da adulti, e finiscono per cadere in una spirale di solitudine con l'avanzare dell'età.

Trattare con la solitudine

Mentre capire le cause e i tipi di solitudine è metà della battaglia, l'altra metà è sapere come affrontarla attivamente.

Ma prima di affrontare attivamente la tua solitudine (o la solitudine di qualcuno vicino a te), ci sono tre punti cruciali che devi ricordare:

  • La maggior parte di noi ha periodi di solitudine: La solitudine può farti sentire come se la tua situazione fosse unica e nessuno là fuori può capire cosa stai provando. Ma la verità è esattamente l'opposto: la solitudine è un sentimento prevalentemente comunitario. In uno studio, è emerso che solo il 22% degli intervistati non si era mai sentito solo. Ciò significa che quasi l'80% delle persone (o 4 su 5) ha provato una sensazione simile alla tua solitudine.
  • Ognuno di noi affronta la solitudine in modo diverso: Può essere facile scoraggiarsi quando leggi suggerimenti su come affrontare la solitudine che in realtà non funzionano su te stesso o su chi ti circonda. Potresti arrenderti, credendo che nessuna soluzione possa aiutarti. Ma ognuno di noi ha a che fare con la solitudine in modo diverso; una soluzione che funziona per una persona potrebbe non funzionare per te. Fai del tuo meglio per capire la tua mente e le tue esigenze e lavora per soddisfarle.
  • La solitudine è una battaglia a lungo termine: Alcuni di noi sono semplicemente predisposti per natura a sentimenti di solitudine più di altri. Ciò significa che per alcune persone la solitudine sarà un problema che sperimenteranno naturalmente per tutta la vita. Non scoraggiarti se ritorna la solitudine: accettala e abbracciala come parte di chi sei, e impara come superarla ogni volta.

Ora che comprendi la solitudine, ecco i modi in cui puoi aiutare te stesso e aiutare gli altri con la solitudine:

5 modi per aiutare te stesso con la solitudine

1) Tieni un diario dei tuoi pensieri

Il problema: Uno dei modi più comuni in cui la solitudine ci attacca è travolgerci di emozioni. Non importa quanto potresti essere stato felice nell'ultima settimana o nell'ultimo mese; nel momento in cui la solitudine viene innescata e rilasciata dalla sua gabbia, ti sembrerà di essere bloccato in un solco per settimane e il mondo intero è pronto a prenderti.

La solitudine ti rende cieco alla verità. La verità è che non è così male come ci si sente nel momento presente. Non importa quello che gli altri potrebbero dirti o provare a mostrarti, sei assolutamente convinto di essere bloccato e solo.

La risposta: Quindi tieni un diario dei tuoi pensieri ed emozioni. Annota tutto ciò che senti ogni giorno. Dai piccoli segnali di felicità perché hai mandato un messaggio a un vecchio amico o hai ricevuto un complimento al lavoro, agli enormi momenti di gioia che possono rendere grande la tua intera giornata.

Con questo diario, avrai prove fatte dalle tue stesse mani che ieri e l'altro ieri non sono stati così orribili come la tua solitudine vuole farti credere. Il primo passo per combattere la solitudine è sapere come uscirne.

2) Separare i sentimenti dai fatti

Il problema: La solitudine ti convince che tutto nella tua vita è superficiale e una perdita di tempo. Quando la nuvola della solitudine si abbatte su di te, hai difficoltà a ricordare perché provi a lavorare, con i tuoi hobby o con la tua vita sociale. Sembra impossibile fare qualcosa di così semplice come interagire con chi ti circonda.

La solitudine è spesso innescata da un ricordo o pensiero corrente. Non è spesso il caso che ti senti più solo quando sei fisicamente solo, perché non è la solitudine fisica che fa sentire l'inizio della solitudine. È lo sviluppo dell'emozione nei pensieri e la nostra sensazione di solitudine che cresce da se stessa.

La risposta: Ricorda che la solitudine è un sentimento (o un insieme di sentimenti), non un fatto. Quando ti ritrovi intrappolato in un ciclo di pensieri composto dal tuo cervello che si chiede: 'Perché sono così solo e perché tutti non mi piacciono?', Fai un passo indietro dal tumulto interiore, fai un respiro profondo e rilassati.

Ora chiediti: 'Cosa mi fa sentire solo? Quali sono i miei pensieri peggiori e sono effettivamente veri? ' Spesso scoprirai che i tuoi peggiori pensieri non lo sono vero affatto.

(Per imparare come accettare le tue emozioni e persino usarle a tuo vantaggio, dai un'occhiata

3) Trova la tua tribù, (ma non tagliare fuori tutti gli altri)

Il problema: La solitudine è, in poche parole, essere soli. Ci sono momenti in cui potresti sentirti perso e isolato in mezzo alla folla, nel qual caso potresti credere che nessuna quantità di connessione sociale possa aiutarti a strisciare fuori dalla tua fossa di solitudine. Potresti iniziare a pensare di essere assolutamente incapace di stabilire connessioni sociali e fisiche significative con altre persone. Il problema è che molte persone decidono di arrendersi una volta raggiunto questo punto.

La risposta: Trova la tua tribù. Cosa significa questo? Significa trovare persone che condividono i tuoi interessi e sono disposte a includerti nei loro incontri sociali. Troppo spesso, le persone sole cercheranno di trovare altre persone sole, ma questo rende ancora più difficile l'atto di stabilire legami forti, poiché entrambe le parti non sono in grado di farlo da sole.

Ma questo significa anche mantenere i tuoi social network e legami sociali originali. Non isolarti dai tuoi attuali amici e parenti perché hai trovato una nuova rete o tribù. Una volta che riuscirai a uscire dalla tua solitudine, quei legami sociali originali si sentiranno molto meglio di prima.

4) Esci dalla tua testa

Il problema: La solitudine ha un modo particolare di intrappolarti nella tua testa. Una persona con estrema solitudine può vivere l'intera giornata senza pensare a nessuno se non a se stessa. Mentre cammini sul marciapiede, sali sull'autobus, lavori in ufficio, pranzi, i tuoi unici pensieri riguardano la tua solitudine, la tua tristezza e la tua disperazione.

La risposta: Smettila e basta. Esci dalla tua testa. Questo non significa che devi smettere di sentirti solo. Significa solo che devi smettere di concentrarti eccessivamente sulla realtà. Cerca di apprezzare il mondo intorno a te: le piccole interazioni tra le altre persone, i sorrisi e i saluti, le strette di mano e gli abbracci. Maggiore è lo sforzo che fai per comprendere e goderti le interazioni sociali, più naturale inizierà a sentirti.

5) Sii persistente, sii curioso e non aspettarti la perfezione

Il problema: La solitudine fa arrendere le persone troppo facilmente. Quando una persona sola cerca di entrare in contatto con un vecchio amico o di partecipare a un nuovo gruppo o di fare qualcosa al di fuori della propria zona di comfort, crede che ogni tentativo sia 'tutto o niente', o 'fai o muori'.

La solitudine li convince che se qualcosa va storto - se l'interazione non ha successo, se l'amico o il gruppo sembra disinteressato, o se non ci sono fuochi d'artificio ogni volta che provano qualcosa di nuovo - allora il problema è solo dentro di loro e hanno bisogno arrendersi e ritirarsi nel proprio guscio per risparmiarsi ancora sentimenti di delusione.

La risposta: Non arrenderti. Socializzare è difficile per tutti, non solo per te. La solitudine può farti pensare di essere unico e speciale (in modo negativo), ma non lo sei. Tutti hanno difficoltà a entrare a far parte di nuovi gruppi e fare nuove amicizie, anche quelle persone che sembrano essere piene di tutta la fiducia nel mondo.

Solo perché hai fallito una o due volte non significa che fossi destinato a rimanere senza amici per il resto della tua vita. Significa solo che hai fallito una o due volte e ora è il momento di riprovare. Se chiedi a un amico di uscire per un caffè e ti dice che è occupato, riprova la prossima settimana o chiedi a un altro amico. Dov'è il male nel provare? Il rifiuto fa parte della vita, così come la persistenza e la curiosità. Abbraccialo.

Come aiutare gli altri con la solitudine

Se hai un amico o un parente che ritieni soffra di solitudine, ecco alcuni modi in cui puoi provare attivamente ad aiutare:

  • Impegnati nei loro interessi e hobby. Chiedi loro di fare qualcosa essi voglio fare
  • Chiedi, ascolta e ascoltali veramente. Non interrompere: lasciali parlare davvero
  • Aiuta anche nei modi più piccoli, come un quotidiano 'Hey!' o 'Spero che tu ti senta bene!'
  • Fai domande e impara a conoscerle oltre il livello superficiale. Capire cosa li fa 'spuntare'
  • Sii ottimista con loro, sii forte. Anche se va bene ascoltare la loro solitudine, incoraggiarli e ispirarli
  • Coinvolgi gli animali! Innumerevoli studi hanno scoperto che gli animali possono aumentare le nostre emozioni, rendendoci più rilassati e gioiosi
  • Aiutali a stabilire una scala di obiettivi. Non limitarti a dare loro speranza: mostra loro una via d'uscita verso una vita più appagante, anche se è semplice come andare in palestra tutti i giorni
  • Fagli sapere che sei disponibile. Non tutte le persone sole sono disposte a provare a fare cose nuove con te, anche solo a parlare. Ma anche il piccolo atto di dire 'Sono qui se hai bisogno di me' può davvero aiutare

Solitudine: un'altra parte di te da amare

L'esperienza umana è una cosa complessa e senza limiti e la solitudine è solo un aspetto di essa. Per quelli di voi che sperimentano la solitudine, la solitudine è una parte di ciò che siete, che vi piaccia o no. E solo accettandolo veramente e abbracciandolo come un'altra curiosità che esiste dentro di te puoi agire pienamente per superarlo.

Quindi abbraccia la tua solitudine e accetta di essere solo o incline alla solitudine. Rinuncia all'autocritica, al disgusto di sé, all'autocommiserazione.

La solitudine è solo un'ulteriore prova che sei una mente e un'anima complete, desiderose della connessione sociale degli altri.

E non è una buona cosa? Consenti a te stesso di comprendere le esigenze del tuo cuore e trova i modi per soddisfarle nel modo più positivo possibile.