Ecco cosa c

Ecco cosa c'è di sbagliato in McMindfulness

La pratica della consapevolezza si è spostata dalle grotte himalayane e dai monasteri buddisti a società, scuole, prigioni e agenzie governative con la promessa di diminuire i livelli di stress, una migliore concentrazione e tutta una serie di altri benefici.


Il fatto che gli scienziati stiano dedicando tempo allo studio della pratica della consapevolezza, è indicativo del fatto che sta diventando mainstream. Mentre la scienza e le prove aneddotiche supportano un'ampia gamma di vantaggi della pratica, è anche chiaro che è stata trasformata in una redditizia industria artigianale da consulenti di mindfulness che la sfruttano come mezzo per convincere le aziende e i leader aziendali che la formazione mindfulness migliorerà la produttività , ridurre l'assenteismo e migliorare la leadership.

Esperti praticanti di meditazione hanno espresso il loro scetticismo riguardo alla consapevolezza che viene bandita come il nuovo toccasana per il malessere moderno.


Ron Purser e David Loy nel loro articolo Beyond McMindfulness mettilo così:

“Scollegare la consapevolezza dal suo contesto buddista etico e religioso è comprensibile come una mossa opportuna per rendere tale formazione un prodotto praticabile sul mercato aperto. Ma la fretta di secolarizzare e mercificare la consapevolezza in una tecnica commerciabile potrebbe portare a una sfortunata denaturazione di questa antica pratica, che era intesa molto più che alleviare il mal di testa, ridurre la pressione sanguigna o aiutare i dirigenti a diventare più concentrati e più produttivi '.



Continuano affermando che la consapevolezza, come intesa e praticata nella tradizione buddista, non è semplicemente una tecnica eticamente neutra per ridurre lo stress e migliorare la concentrazione. La consapevolezza è una qualità distinta dell'attenzione che include molto di più: la natura dei nostri pensieri, parole e azioni; il nostro modo di guadagnarci da vivere; ei nostri sforzi per evitare comportamenti malsani e non abili, sviluppando quelli che favoriscono l'azione saggia, l'armonia sociale e la compassione.


In altre parole, la consapevolezza è un modo di condurre la tua vita, non una tecnica per ridurre lo stress.

I buddisti distinguono tra la giusta consapevolezza (samma sati) e la cattiva consapevolezza (miccha sati). Dipende da cosa si concentra la tua attenzione.

'La Right Mindfulness è guidata da intenzioni e motivazioni basate su autocontrollo, stati mentali sani e comportamenti etici - obiettivi che includono ma sostituiscono la riduzione dello stress e il miglioramento della concentrazione.'

Chiunque abbia familiarità con gli insegnamenti del Buddha saprà che la pratica della meditazione non è focalizzata sull'individuo, ma sull'elevazione di tutta l'umanità. Ciò include le istituzioni economiche stesse.

“Fino ad ora, il movimento di consapevolezza ha evitato qualsiasi seria considerazione del motivo per cui lo stress è così pervasivo nelle moderne istituzioni aziendali. Invece, le aziende sono saltate sul carro della consapevolezza perché trasferisce convenientemente il peso sul singolo dipendente: lo stress è inquadrato come un problema personale e la consapevolezza è offerta proprio come la medicina giusta per aiutare i dipendenti a lavorare in modo più efficiente e con calma in ambienti tossici ', scrive Purser e Loy.

L'addestramento alla consapevolezza promette dipendenti più calmi, meno stressati e più produttivi. Ma se non si basa su un quadro etico, non sarà una vera forza positiva per la trasformazione personale e sociale.