Uno psicologo dice che il segreto per vivere più a lungo potrebbe essere la tua vita sociale

Uno psicologo dice che il segreto per vivere più a lungo potrebbe essere la tua vita sociale

Qual è il segreto della longevità?


Non è una domanda facile a cui rispondere. Alcune persone dicono che è dieta. Altre persone dicono che riduce al minimo lo stress.

Ma secondo l'esperta di longevità, Susan Pinker, non è niente di tutto questo.

Dopo aver studiato un'area in un'isola italiana nel Mediterraneo nota per la longevità degli occupanti, ha scoperto che c'è un fattore particolare nel vivere a lungo che in gran parte ignoriamo.


Quindi, cos'è?

Nel brillante discorso TED di seguito, Susan Pinker afferma che nel mondo sviluppato, le donne vivono in media da 6 a 8 anni in più rispetto agli uomini. Questo è un enorme divario.



Ma c'è un posto al mondo che contrasta questa tendenza. È una zona montuosa della Sardegna, un'isola italiana nel Mediterraneo, tra la Corsica e la Tunisia.


Ci sono 6 volte più centenari che sulla terraferma italiana, a meno di 200 miglia di distanza.

Il numero di centenari è 10 volte superiore a quello del Nord America. È l'unico posto in cui gli uomini vivono finché le donne.

Perché?

Ha scoperto che i geni rappresentano solo il 25% della loro longevità. L'altro 75 percento è lo stile di vita.

Quindi cosa stanno facendo bene nel loro stile di vita? Ebbene, secondo Pinker, vivono tutti in case strette, vicoli e strade intrecciati.

Significa che le vite degli abitanti del villaggio si intersecano costantemente. Come la maggior parte dei borghi antichi, Villagrande non avrebbe potuto sopravvivere senza questa struttura, perché difesa e coesione sociale ne definivano il disegno.

Allora, cosa hanno mostrato i dati riguardo alla loro longevità?

Pinker ha scoperto che il fattore predittivo numero uno per vivere una lunga vita sono le relazioni strette. Cioè, avere persone a cui puoi rivolgerti quando hai bisogno di aiuto e persone con cui puoi parlare quando stai attraversando una crisi esistenziale.

Il secondo fattore più importante?

Secondo Pinker, la sua integrazione sociale. Ciò significa quanto interagisci con le persone durante la tua giornata. Con quante persone parli effettivamente.

Perché? Perché l'interazione faccia a faccia rilascia un'intera cascata di neurotrasmettitori e ti proteggono ora nel presente e nel futuro.

Basta stabilire un contatto visivo con qualcuno, stringere la mano, dare a qualcuno il cinque è sufficiente per rilasciare ossitocina, che aumenta il tuo livello di fiducia e abbassa i livelli di cortisolo, il che riduce lo stress. E viene generata la dopamina, che ci dà un po 'di sballo e uccide il dolore.

Tutto questo passa sotto il nostro radar cosciente, motivo per cui molti di noi confondono l'attività online con la realtà. Ma Pinker dice che ora abbiamo prove concrete che c'è una differenza.

Per approfondire questa affascinante ricerca, guarda il brillante TED di Susan Pinker di seguito dove depone tutto: