15 citazioni di un maestro buddista che ti ricorderanno di credere in te stesso

15 citazioni di un maestro buddista che ti ricorderanno di credere in te stesso

Se hai letto qualcosa sul buddismo moderno, probabilmente hai sentito parlare di Sharon Salzberg.


È un'autrice di best seller del New York Times e un'insegnante molto ricercata di pratiche di meditazione buddista in occidente.

Mette grande enfasi sull'importanza di acquisire consapevolezza di sé e usare metodi di gentilezza amorevole su se stessi e sugli altri.

È davvero un raggio di luce in un mondo che ne ha un disperato bisogno. Di seguito ho raccolto alcune delle sue citazioni più potenti sull'amore, la gentilezza e l'importanza della consapevolezza di sé. Godere!


Sull'amor proprio

“Puoi cercare in tutto l'universo qualcuno che meriti il ​​tuo amore e il tuo affetto più di te stesso, e quella persona non si trova da nessuna parte. Tu, te stesso, come chiunque altro nell'intero universo, meriti il ​​tuo amore e il tuo affetto '.

Metta è la capacità di abbracciare tutte le parti di noi stessi, così come tutte le parti del mondo. Praticare Metta illumina la nostra integrità interiore perché ci solleva dalla necessità di negare diversi aspetti di noi stessi. Possiamo aprirci a tutto con la forza curativa dell'amore. Quando sentiamo amore, la nostra mente è espansiva e abbastanza aperta da includere l'intera vita in piena consapevolezza, sia i suoi piaceri che i suoi dolori, non ci sentiamo né traditi dal dolore né sopraffatti da esso, e quindi possiamo contattare ciò che è intatto dentro noi indipendentemente dalla situazione. Metta vede veramente che la nostra integrità è inviolata, qualunque sia la nostra situazione di vita '.



“La gentilezza amorevole è una forma di amore che è veramente un'abilità e, come hanno dimostrato i ricercatori, può essere appresa. È la capacità di correre dei rischi con la nostra consapevolezza: guardare noi stessi e gli altri con gentilezza invece che con critica riflessiva; includere nella nostra preoccupazione coloro a cui normalmente non prestiamo attenzione; prendersi cura di noi stessi incondizionatamente invece di pensare: 'Mi amerò finché non commetterò mai errori'. È la capacità di raccogliere la nostra attenzione e ascoltare davvero gli altri, anche quelli che abbiamo scritto perché non valgono il nostro tempo. È la capacità di vedere l'umanità nelle persone che non conosciamo e il dolore nelle persone che troviamo difficili '.


Sul tuo potenziale

'Sei capace di molto di più di quello che di solito osiamo immaginare.'

Sul cambiamento

“Non è mai troppo tardi per accendere la luce. La tua capacità di rompere un'abitudine malsana o spegnere un vecchio nastro non dipende da quanto tempo è stato eseguito; un cambiamento di prospettiva non dipende da quanto a lungo hai mantenuto la vecchia visuale. Quando sposti l'interruttore in quella soffitta, non importa se è stato buio per dieci minuti, dieci anni o dieci decenni. la luce illumina ancora la stanza e bandisce l'oscurità, permettendoti di vedere le cose che prima non vedevi. Non è mai troppo tardi per prendersi un momento per guardare. '

'Se stai leggendo queste parole, forse è perché qualcosa ti ha spalancato la porta e sei pronto ad accettare il cambiamento. Non basta apprezzare il cambiamento da lontano, o solo in astratto, o come qualcosa che può accadere ad altre persone ma non a te. Dobbiamo creare un cambiamento per noi stessi, in modo praticabile, come parte della nostra vita quotidiana '.

Sulla compassione

“A volte pensiamo che sviluppare un cuore aperto, essere veramente amorevoli e compassionevoli, significhi che dobbiamo essere passivi, permettere agli altri di abusare di noi, sorridere e lasciare che chiunque faccia quello che vuole con noi. Eppure questo non è ciò che si intende per compassione. Al contrario. La compassione non è affatto debole. È la forza che nasce dal vedere la vera natura della sofferenza nel mondo. La compassione ci permette di testimoniare quella sofferenza, sia in noi stessi che negli altri, senza paura; ci permette di nominare l'ingiustizia senza esitazione, e di agire con forza, con tutta l'abilità a nostra disposizione. Sviluppare questo stato mentale di compassione ... significa imparare a vivere, come disse il Buddha, con simpatia per tutti gli esseri viventi, senza eccezioni '.

Perché la consapevolezza è potente

'La consapevolezza ci aiuta a migliorare nel vedere la differenza tra ciò che sta accadendo e le storie che raccontiamo a noi stessi su ciò che sta accadendo, storie che ostacolano l'esperienza diretta. Spesso queste storie trattano uno stato mentale fugace come se fosse il nostro intero e permanente sé '.

“La meditazione è l'ultimo dispositivo mobile; puoi usarlo ovunque, in qualsiasi momento, in modo discreto. '

'Ripristina la tua attenzione o portala a un nuovo livello rallentando drasticamente qualunque cosa tu stia facendo.'

'La consapevolezza non è difficile, dobbiamo solo ricordarci di farlo.'

Alla nostra ricerca della felicità

“Impegnandoci in una ricerca illusoria della felicità, portiamo solo sofferenza su noi stessi. Nella nostra frenetica ricerca di qualcosa per placare la nostra sete, trascuriamo l'acqua che ci circonda e ci spingiamo in esilio dalle nostre stesse vite '.

“Tutti gli esseri vogliono essere felici, eppure pochissimi sanno come. È per ignoranza che ognuno di noi causa sofferenza, per se stessi o per gli altri '

Sul vero te

“Per tutti noi l'amore può essere lo stato naturale del nostro essere; naturalmente in pace, naturalmente connessi, perché questo diventa il riflesso di chi siamo semplicemente '.

L'arte della concentrazione

“L'arte della concentrazione è un continuo lasciarsi andare. Lasciamo andare ciò che è inessenziale o che distrae. Lasciamo andare un pensiero o una sensazione, non perché ne abbiamo paura o perché non possiamo sopportare di riconoscerlo come parte della nostra esperienza; ma, perché NON È NECESSARIO. '